Torna alla pagina del sommario
Back to summary page
Il Regolamento degli Organi
The Bodies Regulation
Organizzazione
Organization
Struttura
Structure
Università Consorziate
Member Universities
Attività
Activities
Consiglio Direttivo
Directive Board
Giunta
Executive Board
Consiglio Scientifico
Scientific Board

Statuto e regolamenti
Charter and regulations
Statuto
Charter
Regolamento Organi
Bodies Regulation
Regolamento Strutture
Structures Regulation
Reg. Amministraz./Contabilità
Administration Regulation
Regolamento Laboratori
Laboratories Regulation
Regolamento Missioni
Missions Regulation
Regolamento Pagamenti
Payments Regulation
Regolamento Overheads
Overheads Regulation
Regolamento Patrocini
Sponsorships Regulation
Regolamento Spin-off
Spin-off Regulation

Indice articoli:

Art. 1: Consiglio Direttivo
Art. 2: Consiglio Scientifico
Art. 3: Giunta
Art. 4: Presidente
Art. 5: Collegio dei Revisori dei Conti
Art. 6: Riunioni, elezioni degli Organi, incompatibilità, validità del Regolamento

Art. 1: Consiglio Direttivo indice

Il governo del Consorzio è affidato al Consiglio Direttivo, che è composto, secondo l'articolo 7 dello Statuto, da un rappresentante di ciascuna delle Università consorziate, indicato dal Rettore fra i Professori e Ricercatori aderenti al Consorzio ed è presieduto dal Presidente del Consorzio, ai sensi dell'articolo 8 dello Statuto stesso. Del Consiglio Direttivo fa parte un rappresentante designato dal Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica.

Il Consiglio Direttivo si riunisce in seduta ordinaria due volte l'anno per l'approvazione del bilancio preventivo e del conto consuntivo e della relazione sulla attività svolta. Il Consiglio Direttivo viene altresì convocato ogni volta che lo richieda almeno un terzo di suoi membri, o per iniziativa del Presidente del Consorzio.

La convocazione è fatta o dal Presidente o, in caso di impedimento, dal Vice-Presidente nominato dal Presidente tra i componenti della Giunta con il compito di sostituirlo in caso di assenza o impedimento, mediante comunicazione scritta, contenente l'ordine del giorno, da inviarsi anche via posta elettronica, fax o telegramma almeno quindici giorni prima della data della riunione.

Il Consiglio Direttivo è regolarmente costituito e può validamente deliberare in seduta ordinaria quando sia accertata la presenza, di persona o per delega del rappresentante di sede, di almeno la metà più uno dei suoi componenti non contando gli assenti giustificati per iscritto. Esso delibera a maggioranza semplice dei presenti.

Per le deliberazioni di competenza del Consiglio Direttivo in seduta straordinaria, invece, è necessario che partecipi alla votazione un numero di consorziati, di persona o per delega rettorale, tale da rappresentare almeno i 2/3 (due terzi) dei membri non contando gli assenti giustificati per iscritto e vi sia il voto favorevole di almeno 2/3 (due terzi) dei presenti.
A parità di voti prevale il voto del Presidente della seduta.

Per le deliberazioni di cui ai precedenti due commi le maggioranze vengono computate sulla base del numero dei rappresentanti delle Università consorziate regolarmente nominati dai rispettivi Rettori non più tardi di una settimana prima della convocazione del Consiglio Direttivo e con trasmissione di detta nomina via fax entro tale data al Presidente del Consorzio. Il rappresentante designato dal Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica contribuisce al computo della maggioranza solo dal momento della sua nomina ufficiale.

Svolge di norma le funzioni di Segretario del Consiglio Direttivo il componente più giovane in età tra i presenti.

Il Presidente della seduta può chiamare a riferire al Consiglio Direttivo, quando ve ne sia la necessità, esperti esterni al Consiglio.

Le delibere del Consiglio Direttivo, firmate dal Presidente della seduta e dal Segretario, sono raccolte cronologicamente in apposito registro numerato e vidimato. Dei verbali relativi vengono conservate raccolte cronologiche.

Ai partecipanti al Consiglio Direttivo è corrisposto il rimborso delle spese di partecipazione.

Il Consiglio Direttivo provvede all'espletamento dei compiti di cui all'articolo 7 dello Statuto.

Art. 2: Consiglio Scientifico indice

Il Consiglio Scientifico è l'Organo di consultazione e verifica scientifica del Consorzio ed elabora le linee della politica scientifica del Consorzio. E' costituito secondo l'articolo 10 dello Statuto dal Presidente del Consorzio, che, ai sensi dell'articolo 8 dello Statuto stesso, lo presiede, e da sei eminenti personalità scientifiche, di cui almeno tre componenti delle Unità di Ricerca del Consorzio che hanno gestito negli ultimi cinque anni progetti di rilevanza nell’ambito del Consorzio e rappresentino le aree di competenza del Consorzio.

Ai sensi dell'art. 10 dello Statuto possono far parte del Consiglio Scientifico rappresentanti di Enti pubblici e privati che contribuiscano alle attività del Consorzio. Il numero dei rappresentanti di cui al precedente comma non può superare il 30% dei componenti il Consiglio Scientifico stesso. Detti rappresentanti vengono nominati dal Consiglio Direttivo, sentito il Consiglio Scientifico.

Il Consiglio Scientifico elegge nel suo seno ed a maggioranza un Coordinatore, che partecipa alle riunioni della Giunta con voto consultivo. Il Coordinatore sostituisce, all'interno del Consiglio Scientifico, il Presidente in caso di assenza o impedimento.

Il Consiglio Scientifico può avvalersi del parere consultivo di esperti, anche stranieri, in settori specifici affini a quelli delle problematiche scientifiche del Consorzio.

Il Consiglio Scientifico provvede all'espletamento dei compiti previsti dall'articolo 10 dello Statuto.

Il Consiglio Scientifico predispone quindi il Piano Triennale di Attività tenendo conto dei programmi di ricerca nazionali ed internazionali, individuando nell’ambito di tale piano, Aree

Tematiche inerenti alle attività istituzionali del Consorzio. Verifica la validità scientifica dell’attività di ricerca nell’ambito delle Aree Tematiche, dei Laboratori e delle Unità di Ricerca in relazione agli obiettivi del Consorzio.

Il Consiglio Scientifico è convocato dal Presidente del Consorzio o, in caso di assenza o impedimento del Presidente, dal Coordinatore del Consiglio Scientifico, mediante convocazione scritta, contenente l'ordine del giorno, da inviarsi via posta elettronica, fax o telegramma almeno dieci giorni prima della data della riunione, oppure in via urgente ed eccezionale con telegramma o telefax o posta elettronica da inviare almeno cinque giorni prima della riunione.

E' convocato inoltre su richiesta di almeno un terzo dei suoi membri.

Il Consiglio Scientifico si riunisce ordinariamente almeno tre volte l'anno, di cui una in occasione del Congresso Nazionale del Consorzio.

Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza della metà più uno dei suoi membri non contando i giustificati per iscritto. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza dei presenti ed a parità dei voti prevale il voto del Presidente della seduta.

I membri del Consiglio Scientifico possono ottenere dal Presidente tutte le informazioni sulle deliberazioni del Consiglio Direttivo e della Giunta.

Svolge funzioni di Segretario del Consiglio Scientifico di norma il componente più giovane di età tra i presenti.

Le delibere, firmate dal Presidente della seduta e dal Segretario, sono trasmesse al Consiglio Direttivo e sono raccolte cronologicamente in apposito registro.

Ai componenti del Consiglio Scientifico è corrisposto il rimborso delle spese di partecipazione alle riunioni e di eventuali altre spese, se preventivamente autorizzate dalla Giunta. Al Coordinatore del Consiglio Scientifico oltre al rimborso spese è corrisposta un indennità di carica definita dal Consiglio Direttivo ed in parte connessa al raggiungimento di obbiettivi prefissati.

Una volta all'anno, di regola in occasione del Convegno Nazionale del Consorzio, il Consiglio Scientifico viene riunito in forma allargata a tutti gli aderenti al Consorzio per l'esame e la discussione dei consuntivi e dei programmi scientifici.

Sino all’espletamento delle elezioni previste per designare i membri del nuovo Consiglio Scientifico e per un periodo massimo di sei mesi resta in carica il Consiglio Scientifico uscente.

Art. 3: Giunta indice

I cinque membri della Giunta di cui all'art. 9 dello Statuto, vengono scelti dal candidato alla Presidenza tra i membri del Consiglio Direttivo. Il Presidente e la Giunta da lui scelta vengono eletti con una maggioranza qualificata mediante votazione a scrutinio segreto.

Dopo due votazioni, qualora non si raggiunga la maggioranza qualificata, si procede mediante ballottaggio, a scrutinio segreto, fra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti.

La Giunta è convocata e presieduta dal Presidente del Consorzio o, in caso di impedimento, dal Vice-Presidente di cui all’art. 1 del presente regolamento. Di regola la giunta si riunisce con cadenza mensile.

Sono membri di diritto della Giunta il Past-Presidente del Consorzio, il Coordinatore eletto dal Consiglio Scientifico e il Rappresentante dei Laboratori che partecipano alle riunioni della Giunta con voto consultivo .

La Giunta è convocata mediante convocazione scritta, da inviarsi anche via posta elettronica, fax o telegramma almeno sette giorni prima della data della riunione, di norma prima di ogni riunione del Consiglio Direttivo, nonché ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza di almeno la metà più uno dei suoi membri non contando i giustificati per iscritto.

Le deliberazioni si assumono a maggioranza dei presenti. A parità di voto prevale il voto del Presidente della seduta.

Svolge le funzioni di Segretario della Giunta di norma il componente più giovane di età tra i presenti.

I verbali delle riunioni della Giunta firmati dal Presidente della seduta e dal Segretario, sono raccolti cronologicamente in apposito registro numerato e vidimato.

Ai componenti della Giunta è corrisposto il rimborso delle spese di partecipazione e di eventuali altre spese, se preventivamente autorizzate. dal Consiglio Direttivo. Ai componenti della Giunta, oltre al rimborso spese è corrisposta un indennità di carica definita dal Consiglio Direttivo ed in parte connessa al raggiungimento di obbiettivi prefissati.

Il Presidente di seduta può chiamare a riferire alla Giunta, quando ve ne sia la necessità, esperti esterni alla Giunta stessa.

La Giunta dura in carica per un quadriennio. I componenti della Giunta non sono rieleggibili per più di un quadriennio consecutivo.

La Giunta provvede all'espletamento dei compiti previsti dall'articolo 9 dello Statuto.

La Giunta può attuare delibere che prevedano spese sino a € 75.000 (settantacinquemila) per ogni singolo intervento e sino ad un massimo globale di € 250.000 (duecentocinquantamila). La ratifica da parte del Consiglio Direttivo delle delibere prese azzera la cifra globale di spesa operata dalla Giunta.

L’approvazione e gestione di progetti di ricerca, convenzioni, contratti o commesse del Consorzio non rientranti nelle attività istituzionali è delegata alla giunta che attua le relative delibere di spesa ivi inclusi attivazione di borse di studio, assegni di ricerca e/o contratti su progetto. La ratifica delle approvazioni viene effettuata dal Consiglio Direttivo nella prima riunione utile.

Il Consiglio Direttivo può far decadere la Giunta mediante votazione a scrutinio segreto e a maggioranza qualificata.

Il Presidente può sostituire uno o più membri della Giunta. La decisione è ratificata dal successivo Consiglio Direttivo.

Gli atti e verbali della giunta sono pubblicati con tempestività sul sito del Consorzio nella parte riservata al Consiglio Direttivo.

Art. 4: Presidente indice

Il Presidente del Consorzio è eletto con maggioranza qualificata, insieme alla Giunta da lui proposta, mediante una votazione a scrutinio segreto fra i membri del Consiglio Direttivo ai sensi dell'articolo 8 dello Statuto e svolge i compiti in esso previsti. In questa votazione ciascun membro vota un solo nome.

Dopo due votazioni, qualora non si raggiunga la maggioranza qualificata, si procede mediante ballottaggio, a scrutinio segreto, fra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti.

Il Presidente può attuare interventi di spesa sino a € 3.000 (tremila) per intervento e sino ad un massimo globale di € 20.000 (ventimila). La ratifica da parte della Giunta delle delibere prese azzera la cifra globale di spesa operata dal Presidente.

Il Presidente resta in carica per quattro anni e non è rieleggibile per più di un quadriennio consecutivo.

All'atto dell'elezione, qualora il Presidente ricoprisse altra carica direttiva all'interno del Consorzio, il Consiglio Direttivo provvederà anche alla nomina del suo sostituto in tale carica.

Il Presidente del Consorzio, almeno sei mesi prima della scadenza del Consiglio Direttivo e del Consiglio Scientifico, avvia le procedure per la nomina dei nuovi Consigli.

A tale scopo invita il responsabile di ciascuna Unità di Ateneo ed i Direttori dei Laboratori del Consorzio, a svolgere le consultazioni previste dal Regolamento delle Strutture Operative.
Nel caso delle Unità operanti presso le Università, il Presidente del Consorzio richiederà che venga fatta anche l'indicazione del responsabile dell'Università nel Consiglio Direttivo.

Al Presidente oltre al rimborso spese è corrisposta un indennità di carica definita dal Consiglio Direttivo ed in parte connessa al raggiungimento di obbiettivi prefissati.

Art. 5: Collegio dei Revisori dei Conti indice

Il collegio dei revisori dei conti è costituito da: tre membri effettivi e due supplenti.

a) un revisore effettivo ed uno supplente designati dal Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica;

b) due revisori effettivi ed uno supplente, designati dal Consiglio Direttivo tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili ai sensi del D. Legs. 88/92.

Il Collegio elegge tra i membri effettivi il proprio Presidente.

I componenti dei collegio, durano in carica quattro anni e possono essere confermati una sola volta.

Il Consiglio Direttivo stabilisce altresì il compenso dei componenti il Collegio.

Il collegio dei revisori dei conti controlla l’amministrazione del Consorzio, provvede al riscontro degli atti di gestione, accerta la regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili, esamina il bilancio di previsione, le relative variazioni ed il conto consuntivo redigendo apposite relazioni ed effettua verifiche di cassa.

I componenti del collegio esercitano il loro mandato anche individualmente e possono assistere alle riunioni del Consiglio Direttivo; il presidente del collegio o un suo delegato può assistere alle riunioni della giunta esecutiva.

Art. 6: Riunioni, elezioni degli Organi, incompatibilità, validità del Regolamento indice

Tutte le riunioni degli Organi possono essere tenute in audio o tele-conferenza.

Per l’elezione del Presidente, del Rappresentante di Area Tematica Nazionale, del Rappresentante dei Direttori dei Laboratori nel Consiglio Scientifico si può ricorrere alla votazione, con scrutinio segreto, per lettera o per via informatica.

Più cariche direttive all'interno del Consorzio INCA o di altri Consorzi interuniversitari sono incompatibili.

Questo Regolamento ha validità annuale ed al termine di questo periodo sarà sottoposto a verifica. Le verifiche di norma sono fatte in occasione dell’approvazione del bilancio preventivo.

Consorzio Interuniversitario Nazionale "La Chimica per l'Ambiente"
Sede Legale Amministrativa: Via delle Industrie, 21/8- 30175 VENEZIA-MARGHERA (VE) - ITALY