Cos'è INCA?
What's INCA?
Laboratori
Laboratories
Ricerca
Research
Formazione
Education
Pubblicazioni
Publications
Links
Links
Organizzazione
Organization
Struttura
Structure
Università Consorziate
Member Universities
Attività
Activities
Consiglio Direttivo
Directive Board
Giunta
Executive Board
Consiglio Scientifico
Scientific Board

Statuto e regolamenti
Charter and regulations
Statuto
Charter
Regolamento Organi
Bodies Regulation
Regolamento Strutture
Structures Regulation
Reg. Amministraz./Contabilità
Administration Regulation
Regolamento Laboratori
Laboratories Regulation
Regolamento Missioni
Missions Regulation
Regolamento Pagamenti
Payments Regulation
Regolamento Overheads
Overheads Regulation
Regolamento Patrocini
Sponsorships Regulation
Regolamento Spin-off
Spin-off Regulation

La storia e la missione
del Consorzio INCA
History and mission
of INCA Consortium

Nell'ottobre 1993 cinque università italiane - Venezia "Ca' Foscari", Lecce, Milano, Firenze e Viterbo "La Tuscia" - hanno firmato l'atto di costituzione del Consorzio Interuniversitario Nazionale "La Chimica per l'Ambiente" (INCA).
L'obiettivo principale era di riunire le diverse competenze e di generare una rete coordinata dei chimici che lavorano nel campo della protezione dell'ambiente.
L'allora Ministero per l'Università e la Ricerca Scientifica e Tecnologica (MURST) ha riconosciuto il Consorzio come personalità giuridica, con un decreto datato 6 settembre 1994.
Grazie alla qualità della rete, il numero delle università consorziate è aumentato rapidamente. Oggi il consorzio conta 9 atenei associati e circa 40 Unità di Ricerca.
Il Consorzio mira ad una maggior partecipazione e ad un maggior impegno dei chimici nella ricerca scientifica per la protezione dell'ambiente grazie all'applicazione dei principi della chimica verde/sostenibile. La valorizzazione delle risorse intellettuali e del "know-how" dei membri del Consorzio sono messe in pratica attraverso le opportunità di collaborazione scientifica nel settore della chimica verde, un campo in veloce sviluppo. Particolare attenzione è rivolta all'interazione con l'industria, comprese le PMI, per favorire il trasferimento delle conoscenze acquisite attraverso la ricerca.

Ulteriori dettagli sulle finalità e sulle attività del Consorzio si possono trovare nello statuto (clicca qui)

In October 1993 five Italian universities - “Ca’ Foscari” Venice, Lecce, Milano, Firenze, and “La Tuscia” Viterbo - signed the constitution act of the Interuniversity National Consortium "Chemistry for the Environment" (INCA).
The main objective was to gather several competencies and create a coordinated network of chemists working in the field of environment protection. The Italian former Ministry for University, and Scientific and Technological Research (MURST) recognized the Consortium as a legal personality, with a decree dated September 6th, 1994.
Due to the quality of the network, the number of member universities quickly increased. Nowadays the Consortium has 9 members and about 40 Research Units.
The Consortium aims to a major involvement and commitment of chemists in scientific research for environment protection through the adoption of the principles of Green/Sustainable Chemistry. Valorisation and finalisation of intellectual resources and technological know-how of the Consortium’s members are put into effect identifying the most recent and emergent scientific opportunities in Green Chemistry, a field in fast evolution. Particular attention is turned to the interaction with the industry, including the SMEs, to favour the transfer of the acquired acquaintances from the research.

Further details about the Consortium aims and activities are reported in its charter (click here, in Italian).

Consorzio Interuniversitario Nazionale "La Chimica per l'Ambiente"
Sede Legale Amministrativa: Via delle Industrie, 21/8- 30175 VENEZIA-MARGHERA (VE) - ITALY